INCENTIVI | DETRAZIONI FISCALI - Lincar

FORGOT YOUR DETAILS?

INCENTIVI | DETRAZIONI FISCALI

Incentivi e detrazioni per agevolare l’acquisto

conto

 

 

Per beneficiare della detrazione fiscale per le ristrutturazioni o riqualificazioni energetiche, il contribuente deve:

  • Indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell’immobile

  • Pagare le spese detraibili tramite bonifico bancario o postale da cui risulti la causale del versamento, il codice fiscale del contribuente che usufruisce della detrazione, il codice fiscale o il numero di partita IVA del beneficiario del bonifico (Fornitore). Il modulo per effettuare il bonifico è quello per le ristrutturazioni edilizie.

Inoltre, deve conservare e tenere a disposizione del Fisco:

  • Le fatture o le ricevute fiscali e la ricevuta del bonifico

  • La copia del permesso edilizio se previsto dal regolamento edilizio comunale; oppure l’autocertificazione attestante la data di inizio dei lavori e la descrizione dei lavori, qualora il regolamento edilizio comunale non preveda alcun adempimento per la realizzazione degli interventi

  • La fotocopia della domanda di accatastamento in mancanza dei dati catastali

  • La fotocopia delle ricevute di pagamento dell’ICI/IMU se dovuta

  • L’attestato del produttore

Si ricorda che la detrazione compete anche al familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile sul quale sono effettuati i lavori, purché ne sostenga le spese.

 

CONTO TERMICO

Con la pubblicazione del D.M. 16/02/2016 Conto Termico 2.0 “Incentivazione della produzione di energia termica da impianti a fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni”, si da attuazione al regime di sostegno introdotto dal decreto legislativo 3 Marzo 2011, n. 28 per l’incentivazione di interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Gli interventi incentivabili si riferiscono sia all’efficientamento dell’involucro di edifici esistenti (coibentazione pareti e coperture, situazione serramenti e installazione schermature solari) sia alla sostituzione di impianti esistenti per la climatizzazione invernale con impianti a più alta efficienza (caldaie e condensazione) sia alla sostituzione o, in alcuni casi, alla nuova installazione di impianti alimentati a fonti rinnovabili (pompe di calore, caldaie, stufe e camini a biomassa, impianti solari termici anche abbinati a tecnologia solar cooling per la produzione di freddo).

L’incentivo è un contributo alle spese sostenute e sarà erogato in rate annuali per una durata variabile (fra 2 e 5 anni) in funzione degli interventi realizzati.

Per beneficiare del Conto Termico il contribuente deve:

verificare il rispetto dei requisiti tecnici definiti dal decreto e il calcolo dell’incentivo, al soggetto responsabile sarà richiesto di compilare una scheda-domanda contenente informazioni relative all’immobile oggetto dell’intervento e alle caretteristiche specifiche dell’intervento per cui è richiesto l’incentivo.

TOP